Guidelines for a virtual-lab for passing 70-741 (2016 – Networking) or 70-411 (2012r2 – Administration)

I have recently passed 411 Windows server administration on 2012 r2.

I couldn’t find a lab example to get started with good practise on the material covered by the exam. After many trials I have set up this lab configuration which I find pretty comfortable to work with.

MremoteNG remote desktop open-source software is the main non-Microsoft tool I use on the physical machine. This tool allows resizable display and copy paste of files and text between the machines. It also memorizes the login informations and connects in the remote machines desktop with a double-click. To have it working correctly is a good sign that the virtual machines are well connected at Ip – Tcp and Application level.

Physical Windows 2016/2012r2/10Pro Hyper-V server

16GB or more RAM, (with SSD better), cpu i3, i5 or i7

All server VMs with W2012r2 or 2016

2 domains – 1 extra domain or namespace.

2 clients VMs per domain – W8 or 10

Virtual switches:

External – Internet – automatic Ip is ok

Internal – DMZ – subnet including the hyper-v server, the router, and a third edge server.

182.0.0.0/255.255.255.0

Private – 2, one subnet each, one per domain

Dom1net – 192.168.23.0/255.255.255.0

Dom2net – 192.168.24.0/255.255.255.0

Physical machine:

Hostname: HyperV(.physic.dmz)

Nic1: Physical-bridged (wifi or lan), Internet, probably automatic ip from Telecom company.

Nic2 (DMZ): 182.0.0.254/24 GW:182.0.0.1 DNS:182.0.0.1

(If you wish Nic1 active the following routes will need be created.   Otherwise Nic2 is enough for having Internet in your physical and virtual machines.)

Route print – gives #-Nic2

Route add 192.168.23.0 netmask 255.255.255.0 182.0.0.1 if #-Nic2 -p

Route add 192.168.24.0 netmask 255.255.255.0 182.0.0.1 if #-Nic2 -p

(This machine can be joined to the domain or left in a workgroup with the router and edge machines. physic.dmz is not a domain, is just a dns name space.)

Virtual machines:

Hostname: Router(.physic.dmz) – Routing and remote access – Routing+Nat – DNS

Nic1 (DMZ): 182.0.0.1/24 GW:null DNS:127.0.0.1

Nic2 (Internet): – automatic ip – Nat public interface

Nic3 (Dom1net): 192.168.23.1/24 Gw:null DNS:192.168.23.2

Nic4 (Dom2net): 192.168.24.1/24 Gw:null DNS:192.168.24.2

Optional Nic5 (Fakewww): 131.107.0.1/24 Gw:null Dns:null

Dns primary Zone: physic.dmz

Dns conditional forwarders to dom1.lab and dom2.lab

(I was using secondary zones at the outset, instead of forwarders… but more manual zone transfers need be performed. Having the Dns in this machine is optional, at the outset. You can still use fix ip address in all machines. But when you start having Dhcp clients you won’t be sure  of their IPs, so you will need to set up the Router and the DC’s DNS properly.

You will need to setup the custom features of Routing and Nat. The internet interface will be the Nat-public interface, which will route your domains and your physic.dmz machines.)

Hostname: dc0.dom1.lab – PDC – Dns– Dhcp – CA

Nic (Dom1net): 192.168.23.2/24 Gw:192.168.23.1 DNS: 127.0.0.1/182.0.0.1

(I was behind a proxy and in a big subnet of technicians in my office, I could not afford to expose the dhcp on the public interfaces, otherwise it is convenient to put Dhcp on the Router vm.

Forwarders on the dc Dns servers will need be added, pointing to the router dns, respectively 192.168.23.1 and 192.168.24.1, for contacting the names of the physic.dmz machines.)

Hostname: dc0.dom2.lab – PDC – Dns– Dhcp – CA

Nic (Dom2net): 192.168.24.2/24 Gw:192.168.24.1 DNS: 127.0.0.1/182.0.0.1

//// Role desing ////

Direct Access

For testing DA (you either need buy a public certificate or) you need to setup a forth fake Internet network, and therefore an additional router with Dns and Dhcp. These can stay in an Edge machine in the DMZ physic.dmz; it needs be well outside of the domain networks (ie, not directly routed).

New virtual switch: Fakewww

Hostname: Edge(.physic.dmz) – Routing and remote access – Dns – Dhcp – Nps proxy

Nic1 (DMZ): 182.0.0.2/24 Gw:null Dns:null

Nic2 (Internet): automatic ip

Nic3 (Fakewww): 131.107.0.2/24 Gw:null Dns:127.0.0.1

(A Fakewww Nic can be added to the Router machine with ip 131.107.0.1. Then the 2 routers can be connected with RIP.

The Da clients can go in the same subnet and have the new router as gateway, 131.107.0.2. Same for the Da server.)

Hostname: Da.dom1.lab – Direct access – Vpn – Nps server

Nic1 (Dom1net): 192.168.23.3/24 Gw:null Dns: 192.168.23.2

Nic2 (Fakewww): 131.107.0.3/24 Gw:131.107.0.2 Dns:127.0.0.1

(I have not tested this design thoroughly, but some routes will need be created on the Da server for having Fakewww as main route and still be able to contact the domain CA.)

Altre Realtà

Momento poetico in Logos e Struttura del mondo

….

..

.

In attesa del sonno

Ogni cosa dice: Pace

Insondabile silenzio davanti a ciò che sta vendendo: Silenzio di benvenuto

Eternità in crollo

Oltre gioia e dolore

Giunge ora la Luce-del-Mondo?

Sei Preparato?

Il Sè e la Realtà – Owen Barfield

per Lorenzo… un pò di antroposofia per piacere!

Traduzione di Self and Reality, pubblicato la prima volta nel 1971 nel The Denver Quarterly ® , in seguito raccolto nel volume The rediscovery of Meaning and other Essays.

Parte 1 di 7

La domanda “ma Io esisto?” viene di rado posta e probabilmente non è neanche molto spesso formulata esplicitamente nel pensiero. Qua e là, è da ammettere, v’è evidenza che essa sia stata formulata epperò risposta in negativo. Nell’imbatterci in un filosofo del linguaggio che obietta l’utilizzarsi della parola “coscienza”[consapevolezza], o quando leggiamo qualche pagina di una qualche sociologia comportamentale, o della psicologia sulla quale essa si basa, giungiamo presto a quell’evidenza. In ambito Marxista un deciso “si” sarebbe deviante, se non perfino esuberante eresia. Ma cosa che più importa per il mondo libero è l’evidenza tutto intorno a noi che precisamente quella tacita domanda, o dubbio, sia presente come occulta corrente subconscia in così svariati campi del pensiero e del sentimento contemporaneo. Dubitiamo facilmente di tutto, perché dubitiamo di noi stessi.

Sembra improbabile che questa domanda quasi sia divenuta parte dell’aria che respiriamo. Ma così è, e può far bene iniziare a tirarla fuori dall’aria mettendola sobriamente giù su carta per darle una risposta. Questo è ciò che le seguenti pagine tentano di fare, ed è a questo scopo che iniziano con l’esaminare come la domanda venne ad essere in primo luogo chiesta.

Le basilari assunzioni riguardanti l’uomo e l’universo, di fondamento alle attitudini mentali ed emozionali dei tanti, vengono a trovarsi per la maggiore essere state rilevate, inesaminate, dal più nettamente definito pensiero filosofico o scientifico dei pochi; ed in questo contesto “i tanti” includono anche quei pochi che sono produttivi nei campi di arte e letteratura. Nel nostro tempo queste basilari assunzioni non sono più quelle di un violento e dichiarato positivismo. Il termine “riduzionismo” è di uso piuttosto comune quale etichetta peggiorativa per la dottrina, ora spesso considerata fuori moda, secondo la quale niente è “reale” eccetto stimoli fisici e fisiche reazioni. La mente non ha una realtà distinta; malgrado tutto, l’uomo non è una macchina irrazionale; egli è un organismo psicosomatico.

Quest’epiteto descrittivo (psicosomatico) è ovviamente stato presto in prestito alla medicina con lo scopo di escludere una antiquata distinzione tra la “mente” o “anima” (psiche) dell’uomo, da un lato, ed il suo “corpo” (soma), dall’altro lato. Potrebbe a volte esser necessario per scopi pratici, ma è considerato rigorosamente ascientifico distinguere la mente dal corpo o il corpo dalla mente.

—-

Il Sé e la realtà – Self and Reality – Traduzione

Heroes speakers of the Logos

Kierkegaard, Barfield, Hegel, Steiner, Gentile, Malebranche, Scaligero, Kuhlewind, Goethe

[@@@@]
Barfield: evolution as evolution of consciousness, idols, imaginative perception, symbolism, organic thinking, romanticism, original and final partecipation,
[@@@@]
Steiner: observation of thinking, one-sidedness, goetheanism-epistemology, earth evolution,
[@@@@]
Gentile: actualism=the act of thinking, abstract and concrete logo, essence-existance, subject-object, analysis-synthesis,
[@@@@]
Scaligero: animadversio, living thinking, a-dialectical connection, concentration, dialectical possession, psychisms, brain-mental alteration–persistance, reintegration of man,
[@@@@]
Kuhlewind: wordlike, training of consciousness, subconscious-supraconscious, self-education, senses education, intuitive reflection, a-letheia, phenomena of attention, cognitive feeling, poors in spirit, soul hygiene, reading of the given, gentle will,
[@@@@]
Malebranche: true and occasional causes, true-eternal/temporary-apparent goods, Order as Logos, charity as love of order, grace, faith grounded in reason,
[@@@@]

Strenght of Reason and Instincts – I and Ego – Truth and Reality

by Massimo Scaligero in “Reincarnazione e Karma” (untranslated “Reincarnation and Karma”)

The West, through sagacious investigators, shows at times signs of a clearer vocation about the theme (of Reincarnation). This in fact concerns the I, postulates the I, the subject of the life of the soul and thereby of the karmic connection. The connection can only be realized by a s u b j e c t, by an I, independent from it. Concerning the cognitive setting on the theme, difficoulties are born by the fact that the I of the european-american man is mainly a “rational I”. It is a strong I, even too much, though as an I moved by instincts(drives), because of its very mere rationality: an I which doesn’t exit the soul, doesn’t know its own independence from the soul, and thus from karma: it doesn’t know its own spiritual nature. On the conscious plane, this I is simply a rational entity, a very weak entity. Reason indeed possesses truth(s) of which instincts are void: instincts dispose of a strenght that reason lacks.

From the standpoint of strenght, instincts are true, because they have power of reality, while reason is false because it doesn’t have the strenght for living what it conceives as real. At the rational level the I is weak, while being powerful on the instinctive sphere, as an ego,  as subjective I, incapable of  overcoming nature, for it is taking support from nature, whence it draws strenght, whence it draws reality. And then happens that this I, intimately true though substantially illusive, for not being strong per se but thanks to its own instinctive support, uses rationality as a tool for its own enslaved service to the instincts. Though without sensing this.

***

The rational I, in the West, poses from time to time the problem of Reincarnation: but if such an I is substantially governed by intincts(drives), it’s not reason that faces the extra-sensible investigation, but rather instinct is. Just then one can discover that karma makes use of instinct in order to work on man incapable of a rationality that moves from the I. The genuine rational shouldn’t be a product of the soul, but rather of the I in the soul. Just as a “cunning of reason” exists, so exists a cunning of instinct.

Ordinary man, whose reason is unconsciously subjugated to instincts, is the dialectical man, codifier for his own servitude. That’s the man feeble in will. With the feeble will he’s brought, unaware, to contradict the karma. But here karma is already operating: it works with all its formally irrational power there where reason is uncapable of its own autonomous movement, the movement according to the I, which is true knowing. There where reason, instead, has foreboding of such a drama, it can turn to the knowledge of karma: which is a positive fact. But now then the problem resurfaces in the fact that reason tends to such a knowledge not through the positive I, conscious of its own posing, but  rather through the dialectic I, the I not founded on itself, oblivious of its own power of boundlessness beyond the rational soul.

Online dictionaries – Fixed Meaning

The following considerations regard the integration of ideas into a coherent whole.

I find amazing the Lingoes dictionary, a free software tool for translating words on the fly directly from the screen of our pc. Also many other language tools are good, such as WordReference, but their development is hindered by the adopted Technology.

…. In the sense that this Technology is Not the latest available.

What one has to do when one wants to contribute to open-source projects, the first thing is to bring ideas about its functioning, that usually are introduced via a Bugzilla tool. 

This Bugzilla tool is not far from what we know very well when we watch something on Wikipedia. While everybody can directly contribute in Wikipedia, the above mentioned tools don’t permit this…why not?

Even though the amount of dictionaries available are far more than what we will ever need to see, we can realize that the dictionaries are not fully complete, in the same way Wikipedia will never be fully complete.

So I wanted to find the Bugzilla tool for Lingoes, but I have soon realized that the Support forum link in their website is broken, it points to nowhere.

The Technology I’d like to see implemented in Lingoes is one allowing me to insert my own meaning each time I found it missing in the available dictionaries. Everybody could contribute very fast to the growin up of these dictionaries…we just need an entry field to insert our own meaning when we don’t find the one we are looking for.

I can hear a stupid question resonating: “Ok, nice, but in this way anybody could enter anything for any word, therefore crippling the thing.”

This is just another problem that has been already answered by Technology, and applied to the Spam softwares.

Technology is not our problem anymore, it’s only the intelligent use we make of it.

Why does Technology need to suffer the limits imposed by copyright? We need to gain money from it, even if the tool we are given is free. What non-sense is this?

Lavorare con l’Antroposofia -Georg Kuhlewind

Capitolo 6: Tentazione

Trovare la scienza dello spirito espone una persona a due tentazioni. Entrambe risultano dal prendere l’insegnamento, non come scienza dello spirito ma come qualcosa che sta tra religione e scienza. Il “sentimento per la verità” sposta le persone nella direzione della religione, mentre i “contenuti” le sposta nella direzione della scienza o conoscenza. Il giusto approccio sarebbe adeguata cognizione che conduce a religione cognitiva. Steiner caratterizza ciò:

“Dobbiamo recuperare e sperimentare in piena coscienza l’orientazione d’animo dell’umanità primordiale. Così raggiungeremo una cognizione religiosa, una religione cognitiva, per esseri umani moderni.”(GA215- 8 Settembre 1922)

La prima tentazione – lo spostamento verso la religione – può essere visto come un qualcosa di umano-tutto-umano. L’altra primaria tentazione – lo spostamento verso la conoscenza – dev’essere riconosciuto come qualcosa specifico all’occulto. Induce l’insegnamento a divenire, tramite gli esseri umani, aperto a poteri avversari che prendono comando di esso travisandolo nel suo opposto. Invece di completare il lavoro e svilupparlo ulteriormente, una aderenza ipocritica ai testi e all’autorità del solo – e unico – ricercatore spirituale, si sviluppa da una attività rivoluzionaria, interiore, diretta verso la libertà. Già una distorsione occorre quando le comunicazioni sono ridotte al livello di coscienza quotidiano o scientifico. Ciò diviene possibile quando i testi divengono indipendenti, quando vengono separati come testi dalla esperienza di essi. Una persona presa in questo processo manca di notare ciò che lui o lei sta facendo: ciò dimostra la qualità-tentazionale, visto che teoricamente tutti possono sapere che è una questione di contenuti che trascendono la quotidiana coscienza. Parlare di ciò che non si è mai avuto esperienza, come se si potesse comprenderlo e produrlo da sè, è impossibile in ogni altro campo. Il potere e la sentita verità del mondo figurativo incontrato ci induce all’errore di provare ad aderirvi(proselita-re) prima di averla compresa realmente e pienamente. Parlare di ciò che non abbiamo adeguatamente compreso indurisce la chiusura che sorge nella coscienza per via di inappropriata recettività. (Vedi Appendice IX)

Questa occulta tentazione è stata evitata in tempi e luoghi più silenziosi, con il rifiuto di comunicare. Ciò fu il caso nello Zen e nella teologia negativa. Ma i tempo in cui ora viviamo ci porta nuove capacità spirituali con ogni generazione, e queste nuove capacità richiedono un insegnamento che riguardi la regione nella quale si estendono. Se questo non viene dato le capacità possono facilmente essere viziate e viziare l’essere umano. La comunicazione è quindi necessaria, ed il rischio di fraintendere assieme a quello della degenerazione dell’ insegnamento, deve essere accettato. Lavorare con l’insegnamento è affidato alla libertà umana.

L’ostacolo posto dall’uso di un linguaggio normale per la comunicazione di ricerca spirituale può essere superato con l’utilizzare le parole in un modo particolare. Le parole possono essere poste in un testo meditativo in modo tale che il testo possa essere compreso su molti livelli. Comunque, il lettore o l’ascoltatore non si deve soddisfare con la comprensione al livello della coscienza ordinaria. La tentazione occulta di parlare in riguardo a ciò che uno non ha sperimentato, si mescola alla prima tentazione: l’utilizzo egoistico della scienza dello spirito. Ciò succede quando le persone cercano riconoscimento, posizione, potere, o il loro vivere per mezzo della scienza dello spirito o la conoscenza della scienza dello spirito. Dimenticano il modo di vivere dei vecchi Rosicruciani, che , oltre a coltivare le loro origini spirituali, avevano una professione nella vita.

Quando una persona è inconsapevole di abusare della scienza dello spirito per fini egoistici, ciò ha delle conseguenze: c’è un disorientamento in riguardo alla relazione tra scienza spirituale e vita quotidiana; una perdita della capacità di distinguere, in giudizio, tra ciò che uno comprende e non comprende; e l’acquisizione della tendenza a bluff-are con contenuti che uno ha letto, utilizzando questi argomenti nel quotarli dialetticamente nelle discussioni. Siccome questi contenuti vengono utilizzati a questo quotidiano livello, essi divengono scompigliati, perfino confusi, con impulsi ed associazione dal subconscio. “Lavorare” con “contenuti” degenera in speculazione, combnazione, retorica, ed utilizzo nominalistico. Si iniziano a ricevere i contenuti in “estasi dormiente”[R. Steiner – Lo Sfondo Spirituale del Mondo Esteriore – GA177 O.O.- 1° Ottobre 1917], e si perde quindi sempre più il proprio salutare sentimento per la verità – che viene quindi rimpiazzato da orgoglio, superiorità, e l’aria di saper meglio di chiunque altro. Simultaneamente, nessuna nuova ricerca spirituale si presenta, e quindi nessun nuovo risultato. Si inizia a “vivere” per mezzo delle comunicazioni del fondatore della scienza dello spirito. Questo è un tipo di parassitismo spirituale che non crea niente di nuovo e che non restituisce niente di ciò che è stato ricevuto. Ognuno che cerca di portare qualcosa di nuovo viene quindi guardato interrogativamente: lui o lei è sospettato di falsificare l’insegnamento. Esternamente una tale persona diventa inaffidabile – in quanto non passa molto prima che ascoltatori attenti si rendono conto della loro mancanza di esperienza. Dichiaratamente, può spesso succedere che personalità che, per predisposizione o per esperienze (per esempio, tramite droghe), tendono ad un allentamento dal corpo, ravvivano i “contenuti” scientifico-spirituali con un sentimento non-cognitivo semi-libero e con una certa risonanza, trovino un seguito, specialmente con quelli che hanno “praticato” astrattamente la scienza dello spirito e con concetti inadeguati. Nelle giuste circostanze, uno può in tal modo ingannare sè stesso e gli altri per un certo tempo. Tra le segrete occorrenze che quindi occorrono, gruppi “esoterici” vengono formati, generalmente con l’inclusione di un cerimoniale, attività rituali che parlano potentemente alle tendenze subconscie.

Il problema di come fare ricerche spirituali senza capacità spirituali occupa molti aderenti della scienza dello spirito. Tentativi di “risolvere” ciò sono numerosi. La vera soluzione, comunque, sarebbe precisamente quella di sviluppare capacità spirituali. In quanto con i poteri che ci sono stati dati o lasciati non possiamo immediatamente raggiungere, nè comunicare reale, effettiva saggezza – saggezza che vale lo sforzo. Diversamente saremmo tutti saggi ed iniziati, ed ogni cosa sarebbe stata comunicata nel corso dei tempi. Tuttavia gli esseri umani erano ed ancora sono troppo deboli per comprendere ciò che è stato comunicato. Abbiamo tutti esperienza dei risultati di ciò. Imbiancare la situazione non fa altro che coprire le ulteriori prospettive.

La struttura del Logos nel Mondo

L’epistemologia di Georg Kühlewind

Introduzione Youtube-audio

Qualche Punto Saliente

“Dietro l’audibile linguaggio parlato e comportamento “parlante” si nasconde il potente aspetto del linguaggio, ossia, l’intenzione dialettica[della parola]. Senza questa intenzione dialettica, che corrisponde alla comprensione dell’ascoltatore, la parola ordinariamente non avviene. Quando un bambino impara a parlare, questa realtà “immateriale” (comprensione) è accessibile direttamente. Se ciò non fosse così, il bambino non potrebbe comprendere ciò che ha sentito. Il linguaggio è unico in quanto esso non è solo percezione, bensì significativa percezione. I bambini devono afferrare sia percezione che significato simultaneamente. Questa è la sorgente delle funzioni della coscienza di percepire e pensare, che vengono successivamente separate.”

….

“Troviamo meno di questa difficoltà nel capire che altre relazioni, per esempio quelle di causa ed effetto, sono per natura concettuali e non percepibili.
Nè i discreti particolari, nè le relazioni tra loro sono isolati; infatti, non possiamo nemmeno concepirli come isolati. Per esempio, non possiamo pensare al “sole” senza pensare pure al cielo e al percorso del sole attraverso di esso, alla luce, l’oscurità, il giorno, la notte, la mattina, il mezzogiorno, e la loro successione temporale. Lo stesso vale per le relazioni: “quello” va con “questo”, “sotto” va con “sopra”, “di fianco” con “destra” e “sinistra”, e così via. Per di più, i particolari e le loro relazioni sono dipendenti l’uno con l’altro. Per esempio, in un area dove la causalità meccanica è il principio di spiegazione principale, non ha alcun senso parlare di “gentilezza” o “amicizia”, nè perfino di “cognizione” e “comprensione”.”

“Ad esempio, qualità caratterizzate da aggettivi – come piccolo, grande, simile, deforme, qui, lì, e così via – sono puramente determinazioni concettuali che sorgono dai particolari percepiti tramite comparazione o altre attività di pensiero.
Ciònonostante, tali caratteristiche qualità come dimensione e altre, sono per la maggior parte integrate nei nostri sensi. Cadiamo quindi spesso a pensare che esse siano originali, parti a priori della nostra attività sensoria e quindi aventi carattere non concettuale. Ma questa visione dovrebbe assumere un presente raffigurare mentale, giudizio, o memoria ogni volta che percepiamo una cosa – contraddicendo chiaramente la nostra osservazione che quando vediamo oggetti familiari, essi già sono definiti concettualmente.”

“Senza l’effetto strutturante dei concetti, che è basato nella struttura discontinua del linguaggio non troveremmo alcuna tale discontinuità nel mondo. Tramite concetti determinati dal linguaggio – cioè, concetti-parola – rendiamo il nostro pensare gradualmente indipendente dal linguaggio e sviluppiamo concetti che trascendono il Linguaggio. Questa è la precondizione per uno stile di pensiero che è valido e ottenibile da tutte le persone e che renderà possibili delle connessioni per tutti valide ed identiche.”